Tag

, , , ,

image

Mai l’immaginario collettivo è stato più ricco e produttivo in ogni luogo su questa terra per quanto riguarda la costruzione delle figure oscure che spaventano l’uomo dall’alba dei tempi, che dai pericoli reali (belve, malattie, fame, gli altri uomini) a quelli proiettivi, riflesso dei primi ma non solo, in quanto arricchiti dai limiti della logica e permeati dall’imperscrutabilità dell’ignoto e dell’irrazionale, hanno permesso di contenere e spostare sull’esterno tale inquietudine interiore. Allora ecco vampiri, streghe, morti viventi, demoni, diavoli, mummie, mostri creati dall’uomo (Golem, mostro di Frankestein), gli ibridi mitologici, fantasmi, orchi, goblins, troll, folletti, spiriti arcaici, divinità ancestrali, draghi marini e volanti ed altro ancora. Ognuno con un suo significato, con un proprio “materiale” d’ombra, spesso anche figlio del contesto storico e sociale del momento. Ma se il nemico è fuori allora l’uomo si compatta, combatte e si allea agli altri uomini per la causa comune. Ma l’avvento della psicologia e naturalmente l’evoluzione del sapere ha “sgonfiato” queste creature del loro potere terrificante ed ha messo l’uomo di fronte a se stesso, al suo nemico interno, paradossalmente rendendolo più solo e spaventato. I pericoli reali sono invece aumentati (ladri, stalker, psicopatici, pedofili) e non sono più contenuti nel “tranquillizzante” mondo della fantasia. Allora che ben venga Halloween, come le storie che da piccoli ci terrorizzavano o i film fantastici dell’orrore, quelli di vampiri e mummie degli anni 50. Quella sana paura che rubava senso al vero “orrore” di sempre…l’uomo di fronte a se stesso ed all’angoscia di stare al mondo. Viva i mostri e buon Halloween.

Piccola passerella dei mostri cinematografici:

TITLE: DRACULA (1958) ¥ PERS: LEE, CHRISTOPHER ¥ YEAR: 1958 ¥ DIR: FISHER, TERENCE ¥ REF: DRA015CJ ¥ CREDIT: [ THE KOBAL COLLECTION / HAMMER ]

I vampiri: Dracula ed i succhiasangue, oggi nella variante dei vampiri energetici (quelli che rubano l’energia vitale) o nella deriva dei teenagers, belli e dannati. Ma il conte astuto e sensuale, colto e raffinato, che seduceva ipnoticamente la sue vittime resta sempre il “cult” per eccellenza. I figli della notte che rubano vita a quelli della luce.

image

I morti-viventi: di tutte le salse, nei vari gradi di decomposizione, lenti e ansimanti o rapidi e arrabbiati, sono il mostro dell’Apocalisse per eccellenza, quello dell’invasione collettiva del mondo…dappertutto e senza limiti, un morso ed è tutto finito. La fine di tutto.

image

Il mostro di Frankestein: grosso, spaventoso ed ottuso, ma romantico nel profondo, che terrorizzava i bambini degli anni 70 con il frontone di Boris Karloff. La condanna dell’uomo che osa sfidare Dio, la cui scienza può solo partorire un mostro.

254 10

L’uomo lupo: la follia, il doppelgänger, l’istinto animale, la metà oscura, l’influsso della luna, che troverà ancor miglior “forma” nel doppio dello strano caso del dott. Jekill e Mister Hide. Le pulsioni aggressive e libidiche senza il filtro del Super Io.

image

Il diavolo: il male nella sua forma prediletta, la possessione e l’Io che soccombe alle forze oscure. Il peccato che prende possesso dell’uomo e se ne compiace oppure nella variante dell’anima svenduta per i beni materiali. Ancora nell’apocalittico Anticristo che riscatta il suo mondo materiale. La fede l’unica difesa. Quando il male è artefice e l’uomo la vittima.

image

Le streghe: facile associarla alla madre cattiva, la matrigna, la parte oscura e selvaggia della “Grande Madre” ma bruttine, vecchie, con il naso lungo, a cavallo di una scopa da cucina, sono un pò la rivincita del femminile “non compiacente” all’uomo, che con fatture ed incantesimi, si rifanno sulla forza bruta del maschio. Adepte del diavolo però, che maschietto resta, spesso provano anche ad ingannare lo stesso principe del male…l’indomita selvaggia donna arrabbiata e rifiutata, pronta a tagliare la testa, come una mantide religiosa, agli uomini e mangiarsi i suoi figli. (C.F.)

Annunci